Cosa non funziona a San Lorenzo

Vi spiego cosa non funziona a San Lorenzo in ordine di importanza e a prescindere dall’omicidio di Desirèe, su cui oggi la politica dello sciacallaggio racimola nuovi voti:

non funziona Roma, Capitale europea al collasso più totale per motivazioni che è ormai superfluo ricordare;
non funzionano le nostre Forze dell’Ordine, la cui costante presenza sul territorio (con tutto il rispetto) non sposta di un millimetro le logiche di una nota piazza criminale come quella dell’Immacolata;
non funzionano i clienti italiani, che la alimentano acquistando ‘roba’ dagli spacciatori;
non funziona Virginia Raggi, che ritiene di risolvere il caso vietando l’alcol dopo le 21;
non funziona Matteo Salvini, ministro dell’Interno e primo responsabile dell’ordine pubblico, che scarica ancora una volta il barile addosso a terzi nel consenso generale.

Poi, se avanza tempo, parliamo di immigrati.
Anche in questo caso ultimo dei problemi di un paese ridotto all’osso, strutturalmente e intellettualmente parlando.

Precedente È tempo di assumersi le proprie responsabilità Successivo La Carfagna ha abbandonato il lato oscuro della forza