Ecco iCarry, il primo social courier che ti fa risparmiare tempo e denaro

A irrompere nel mondo dei servizi – di qualsiasi tipo essi siano – sono le app (letteralmente: applicazioni), icone che aprono mondi, possibilità e soluzioni grazie al tocco di un dito sullo schermo dei propri cellulari. Se abbiamo ben presente Whatsapp, Instagram e Shazam (tra le più scaricate a livello mondiale), di recente l’universo mobile ha conosciuto esempi ancor più efficienti. Vedi Enjoy, che permette a chiunque di entrare in un’automobile e usarla per arrivare a qualsiasi destinazione. Allora perché non creare una piattaforma che dia la possibilità a ognuno di noi di avere un corriere personale, che consegni il nostro pacco in qualsiasi momento della nostra giornata? Da questa esigenza nasce iCarry, utile a chiunque abbia bisogno di consegnare a destinazione una lettera o un regalo, dando in cambio un contributo alle spese di chi sta consegnando (i costi variano a seconda della distanza e della persona/azienda contattata). Il tutto, ovviamente, in piena filosofia sharing economy: risparmiare tempo e denaro, ottimizzando e migliorando gli spostamenti delle persone, aggiungendo servizi innovativi.

iCarry LOGO TM

Clicca QUI per la home di iCarry.

LA SICUREZZA – A consegnare pacchi non saranno “signori nessuno”. iCarry, infatti, accoglierà solo corrieri che presenteranno documento valido (carta d’identità, patente e passaporto), numero di cellulare e documentazioni aziendali che saranno vagliati e controllati dal team di iCarry tramite procedimenti appositi. Non solo: al momento del prelevamento del pacco il mittente avrà la possibilità di richiedere il controllo del documento d’identità, per verificare che il corriere sia quello designato e non una terza persona. Anche il corriere stesso, però, avrà determinati vantaggi. Egli, infatti, potrà scegliere se richiedere il “selfie-di-consegna”, prova fotografica dell’avvenuta consegna, per evitare che il mittente o il destinatario possano testimoniare che il pacco non è giunto a destinazione, al fine di evadere il pagamento della spedizione.

I VANTAGGI – Chiedendo un contributo spese per il percorso da compiere, il corriere occasionale può risparmiare sulle spese dei suoi viaggi. Il corriere professionista (locale e non) può invece ampliare in modo estremamente semplice e rapido il proprio parco clienti, aumentando il proprio fatturato. Oltre al risparmio, è da sottolineare anche la totale natura italiana del progetto. iCarry, difatti, nasce in Italia e può vantare la forza e la sostenibilità degli italiani. Non solo: iCarry è un progetto ecosostenibile. Tramite l’uso (sempre più diffuso all’estero) dei bike messenger – i corrieri in bicicletta – si possono ridurre al minimo le emissioni di CO2, aiutando così le città a uscire dalla coltre di smog che spesso le assilla.

Precedente Cosa sono i BRICS (e perché guardano alla Grecia) Successivo L'arena del Piccolo America a Trastevere, quando il cinema può risvegliare il cuore di Roma